logo ProfessioneGiustizia
Cerca nel sito

Esecuzioni immobiliari: i termini per la registrazione del decreto di trasferimento

Esecuzioni immobiliari: il tema della registrazione del decreto di trasferimento non è di poco conto, anche in considerazione delle pesanti sanzioni previste in caso di ritardo nell’adempimento

Un aspetto che da sempre preoccupa chi si occupa delle fasi successive all’aggiudicazione del bene è la registrazione del decreto di trasferimento.

Alcuni Tribunali hanno posto questa incombenza a carico del professionista delegato alla vendita, mentre in altri Tribunali continua ad occuparsene il responsabile della Cancelleria delle Esecuzioni Immobiliari. . . . [continua]

Realizzare pergolati, pompeiane e pensiline con telo di copertura. Quale autorizzazione?

Sulle autorizzazioni per pergolati, pergotende, tettoie, gazebo e pompeiane coperte con materiale amovibile si esprime il Consiglio di Stato (Sentenza n. 306/2017)

Un interessante provvedimento del Consiglio di Stato (sentenza n. 306 del 25 gennaio 2017) si sofferma sulle definizioni di gazebo, pergolato e pergotenda, tettoia veranda; sulle loro caratteristiche intrinseche e sui materiali di cui devono essere formate, in particolare la copertura.

Il caso era originato da un ordine di demolizione imposto dal Comune ad un opera costruita in aderenza ad un preesistente immobile, una struttura . . . [continua]

Nulla la notifica al difensore domiciliatario volontariamente cancellatosi dall'albo

Nullità della notifica al difensore domiciliatario volontariamente cancellatosi dall’albo prima della notifica stessa. Cass. SS.UU. Sentenza n. 3702/2017

Le Sezioni Unite della Suprema Corte di Cassazione, con Sentenza n. 3702 del 13/02/2017, hanno risolto un contrasto procedurale apparentemente banale ma, in realtà, di grande importanza, quale la validità della notifica al difensore domiciliatario volontariamente cancellatosi dall’albo prima della notifica stessa. . . . [continua]

Recupero del credito con violenza: estorsione o esercizio arbitrario delle proprie ragioni?

Un approfondito esame della Cassazione sulla differenza fra il reato di estorsione e l'esercizio arbitrario delle proprie ragioni, prendendo spunto da un recupero del credito effettuato mediante violenza e minaccia. Cassazione Sentenza n. 46288/2017

Il caso prendeva spunto da una denuncia effettuata da un piccolo debitore che aveva subito minacce da parte del creditore con l'aiuto di un più aitante e minaccioso conoscente. Le violenze e minacce in danno al debitore giungevano ad indurre il debitore a consegnare loro le chiavi della propria autovettura oltre alla stessa autovettura, . . . [continua]

Revocatoria fall.: rilevanza della prova presuntiva della conoscenza dello stato d’insolvenza

Revocatoria fallimentare. La pubblicazione di notizie di stampa, unitamente ad altre circostanze, costituisce prova presuntiva della scientia decoctionis del creditore. Cassazione Ordinanza n. 3299/2017

Con Ordinanza di rinvio al giudice d’appello, la Cassazione esprime un interessante principio di diritto in tema di conoscenza dello stato d’insolvenza del debitore.

Nel caso di specie la Corte veniva adita dall’Amministrazione Straordinaria di una società, la quale aveva agito in primo grado per chiedere, ex art. 67 L. Fall., la dichiarazione d’inefficacia di alcuni pagamenti . . . [continua]

Professione Giustizia® è Marchio Registrato - Tutti i diritti sono riservati © 2008-2017 - É vietata la riproduzione, anche parziale.
Direttore Scientifico: Luca Marco Rasia
Tribunale Vicenza 26/08/2014 n° reg. 2230 - ISSN 2465-1435
Decaplus s.a.s. - P.IVA 03963190248 - PEC decaplus@pec.it
Piazza della Libertà, 32 - Altavilla Vicentina (VI) powered by Decaplus