logo ProfessioneGiustizia

Sulla prova della tenore di vita in costanza di matrimonio

Divorzio. Lui perde il lavoro; lei è in età lavorativa e deve arrangiarsi, niente assegno di mantenimento. Il tenore di vita deve essere provato. Corte Cassazione civ. Sentenza 09/06/2015 n. 11870

In una procedura di divorzio la moglie aveva sostenuto che durante il matrimonio il tenore di vita era stato pari a quello di una famiglia media con reddito di lavoro dipendente del solo marito e con moglie casalinga, e di non essere ora in grado, in quanto impossidente e priva di lavoro, di mantenere il medesimo tenore di vita, mentre il marito, che ora conviveva con tale altra compagna aveva perso il lavoro. . . . [continua]

Incompatibilità e conflitti di interesse del mediatore e avvocato - Circolare ministeriale

Circolare 14 luglio 2015 del Ministero della Giustizia sulle incompatibilità del mediatore avvocato. Art. 14-bis D.M. 18 ottobre 2010 n. 180

Il Ministero della Giustizia ha diramato in data 14 luglio una Circolare avente ad oggetto le "Incompatibilità e conflitti di interesse mediatore e avvocato". La Circolare mira in particolare a fare chiarezza sulla modifica normativa che ha introdotto l'art. 14-bis nel Decreto del Ministro della giustizia 18 ottobre 2010 n. 180 che è, appunto, il testo che . . . [continua]

La cessione di immobile in Negoziazione Assistita è esente da tasse? Risoluzione Agenzia Entrate

Il regime della tassazione degli accordi di negoziazione assistita in materia di separazione e divorzio quando contengono una cessione di immobile. Risoluzione dell'Agenzia delle Entrate n. 65/E del 16/07/2015

L'atto di cessione e/o costituzione di diritti immobiliari contenuto in un accordo stipulato in sede di Negoziazione Assistita in materia di separazione e/o divorzio può godere dei benefici di legge concessi alle procedure in materia familiare?

E' la domanda posta all'Agenzia delle Entrate. L'articolo 19 della legge 6 marzo 1987, n. 74, che prevede l'esenzione dall'imposta di registro, di . . . [continua]

Il Danno da Morte immediata non è risarcibile agli eredi: le Sezioni Unite

Danno tanatologico: non è risarcibile agli eredi della vittima il danno da perdita della vita immediatamente conseguente alle lesioni derivanti da un fatto illecito. SS. UU. sentenza n. 15350 del 22/07/2015.

Definizione da Wikipedia: "Si parla di danno tanatologico in caso di decesso avvenuto senza apprezzabile lasso di tempo tra lesione e morte, così da poter presumere che la seconda sia esclusivamente effetto della prima, potendosi perciò escludere altre eventuali ragioni per il decesso (ove fosse apprezzabile il tempo fra lesione e decesso si tratterebbe infatti di lesione aggravata da morte). . . . [continua]

Aggiornamento del Saggio degli Interessi di Mora per le transazioni commerciali

Fissato il Saggio Interessi di Mora per le Transazioni Commerciali ex D.Lgs 231-02 per il secondo semestre 2015

Con Comunicato pubblicato in Gazzetta Ufficiale n° 168 del 22 luglio 2015 il Ministero dell'Economia e delle Finanze ha fissato il nuovo 'Saggio degli interessi da applicare a favore del creditore nei casi di ritardo nei pagamenti nelle transazioni commerciali'.

Il nuovo saggio di interessi è stato fissato allo 0,05%, lo stesso del semestre precedente, . . . [continua]

Particolare tenuità del fatto e reato continuato

Ancora sulla tenuità del fatto. Compatibilità con il reato continuato. Nota a Cassazione penale, Sez. III, Sentenza n. 29897 del 13.7.2015

La riforma che ha introdotto nel nostro ordinamento la nuova causa di non punibilità per particolare tenuità del fatto – che può tranquillamente definirsi “storica”, sia per la portata innovativa dell’istituto, sia per le fondamentali ricadute applicative sui processi in corso – ha sollevato una serie di questioni giuridiche che gli interpreti saranno di volta in volta chiamati a risolvere, . . . [continua]

...dai Blogs

CEDU. Notizie dall'altro mondo

di Valeria Cianciolo

Valeria Cianciolo

Professione Giustizia® è Marchio Registrato - Tutti i diritti sono riservati © 2008-2015 - É vietata la riproduzione, anche parziale.
P.IVA 03736710249
Direttore Responsabile: Luca Marco Rasia
Tribunale Vicenza 26/08/2014 n° reg. 2230
powered by TecniGraph