Consiglio Nazionale Forense e Abogados

Il Consiglio Nazionale Forense ricorre alla Corte di Giustizia Europea per avere chiarezza sul fenomeno degli 'abogados'

Consiglio Nazionale Forense e Abogados

L'ingresso massiccio di avvocati dall'estero, con riconoscimento ministeriale nel titolo straniero, ha più volte sollevato indignazione o quantomeno perplessità nelle file degli avvocati cento per cento italiani.

Il Consiglio Nazionale Forense teme, addirittura, un 'abuso di diritto' e per tale ragione ha sottoposto all'attenzione della Corte di Giustizia delle Comunità Europee alcuni quesiti di presunta violazione della normativa europea in merito alla prassi che oramai si è consolidata in materia di legali stabiliti.

Si chiede, infatti, il C.N.F. 'Acquisire la laurea in giurisprudenza in Italia, trasferirsi in Spagna per ottenere il titolo di abogados e poi tornare in Italia e chiedere l’iscrizione “automatica” all’elenco speciale degli avvocati stabiliti può configurare una ipotesi di abuso del diritto?'

E lo stesso Consiglio Nazionale Forense ritiene che  'la prassi messa in opera da abogados italiani costituirebbe una ipotesi di “abuso del diritto”, vietato dall’articolo 4 del Trattato Ue (norma sovraordinata alla direttiva stabilimento)'. Ricorda anche come 'sia la stessa giurisprudenza comunitaria a riconoscere alle autorità nazionali competenti (in questo caso i Consigli dell’Ordine) il diritto/dovere di accertare un eventuale abuso del diritto in caso di indici di anomalia'.

Non resta che rimanere in attesa.


 

Commenta per primo

Vuoi Lasciare Un Commento?

Possono inserire commenti solo gli Utenti Registrati