Corte di Cassazione (legge Pinto): 750 Euro per i primi tre anni e 1.000 Euro per i successivi

La Corte di Cassazione sui parametri di liquidazione del danno per eccessiva durata del processo esprimendo un preciso criterio di quantificazione.

Corte di Cassazione (legge Pinto): 750 Euro per i primi tre anni e 1.000 Euro per i successivi

La Corte di Cassazione con sentenza n° 11582 del 14 Maggio 2013, interviene su alcuni aspetti dell'applicazione della Legge n° 89 del 2001 (cosiddetta legge Pinto), in particolare sul regime della prescrizione e dell'incremento del tempo di durata ragionevole del processo per tenere conto dei rinvii richiesti dai procuratori delle parti. La sentenza interviene, inoltre, sulla quantificazione standard seguita della stessa Suprema Corte in ordine al danno per eccessiva durata del processo.

La stessa Corte, quindi, dichiara di seguire l'orientamento che prevede una applicazione dei parametri di liquidazione pari a 750 Euro per i primi tre anni di durata eccessiva mentre la cifra si innalza ad euro 1.000 per gli anni successivi al terzo di durata eccessiva accertata.

 

Di seguito il testo integrale della sentenza:
 

REPUBBLICA ITALIANA
IN NOME DEL POPOLO ITALIANO
LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE SESTA CIVILE
SOTTOSEZIONE 1
Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati;
Dott. SALME' Giuseppe - Presidente -
Dott. DI PALMA Salvatore - Consigliere -
Dott. CAMPANILE Pietro - Consigliere -
Dott. BISOGNI Giacinto - rel. Consigliere -
Dott. SCALDAFERRI Andrea - Consigliere -
ha pronunciato la seguente;

Commenta per primo

Vuoi Lasciare Un Commento?

Possono inserire commenti solo gli Utenti Registrati