Corte Costituzionale dichiara illegittima la sanzione per la locazione 'in nero'

Niente canone ridotto per l'inquilino che autodenuncia il contratto di locazione. Corte Costituzionale, sentenza n. 50, depositata il 14/03/2014

- di Avv. Gerardo Marano
Corte Costituzionale dichiara illegittima la sanzione per la locazione 'in nero'

La Corte Costituzionale, con la sentenza n. 50, depositata il 14/03/2014, ha dichiarato l'illegittimità costituzionale dei commi 8 e 9 dell'art. 3 del D.Lgs 23/2011, nella parte in cui stabilisce particolari vantaggi per l'affittuario che denuncia il contratto di locazione in nero (specificamente: riduzione del canone in  misura pari al triplo della rendita  catastale e determinazione della durata contrattuale in anni 4 + 4 decorrenti dalla data dell'autodenuncia).

In particolare, la Corte ha stabilito che il suddetto decreto legislativo travalica la legge delega n. 42, del 05/05/2009, ed è, pertanto, in contrasto con l'art. 76 della Costituzione che disegna i poteri del Governo.

La Corte ha stabilito, altresì, che il suddetto decreto legislativo va a deprimere le entrate  Irpef  (in contrasto con  gli obiettivi della stessa legge delega) ed è in contrasto con l'art. 3 e 42 della Costituzione, in quanto la sanzione ivi prevista è posta solo a carico del locatore sebbene l'obbligo della registrazione incomba anche sul conduttore, creando in questo modo un beneficio su una parte che era obbligata comunque a chiedere la registrazione del contratto.

Inoltre, la disciplina del suddetto decreto non si applica ai locali commerciali, mortificando in eccesso il diritto di proprietà privata.

 

 

Commenta per primo

Vuoi Lasciare Un Commento?

Possono inserire commenti solo gli Utenti Registrati