Divorzio: la nuova convivenza fa perdere il diritto al mantenimento. Corte di Cassazione

Dopo la separazione o divorzio, secondo la Corte di Cassazione (Sentenza n. 6855/2015), l'inizio di un nuovo stabile rapporto fa perdere il diritto al mantenimento

Divorzio: la nuova convivenza fa perdere il diritto al mantenimento. Corte di Cassazione

Rilevante provvedimento della Corte di Cassazione (Sentenza n. 6855 del 03 Aprile 2015) in materia di separazione e divorzio.

La Suprema Corte si è trovata a decidere sulla domanda promossa da un ex marito, domanda con la quale chiedeva di veder cancellato l'obbligo di versare l'assegno di mantenimento alla ex moglie la quale aveva da anni intrapreso una nuova stabile convivenza con altro partner, con il quale aveva avuto, fra l'altro, dei figli. La domanda, respinta in sede di gravame, in entrambi i gradi del giudizio, trova, invece, accoglimento innanzi alla Corte di Cassazione.

Certo, deve trattarsi di una unione stabile: anzi, specifica la Cassazione "che l'espressione "famiglia di fatto" non consiste soltanto nel convivere come coniugi, ma indica prima di tutto una "famiglia", portatrice di valori di stretta solidarietà, di arricchimento e sviluppo della personalità di ogni componente, e di educazione e istruzione dei figli".

Ma cosa accade nel caso in cui nasca e si consolidi un siffatto rapporto?

Secondo la S.C. "A quel punto, il parametro dell'adeguatezza dei mezzi rispetto al tenore di vita goduto durante la convivenza matrimoniale da uno dei partner, non può che venir meno di fronte all'esistenza di una vera e propria famiglia, ancorchè di fatto. Si rescinde così ogni connessione con il tenore ed il modello di vita caratterizzanti la pregressa fase di convivenza matrimoniale".

Conclude, pertanto, la Corte di Cassazione afermando che la formazione di una nuova famiglia di fatto da parte del coniuge divorziato determina la perdita definitiva dell’assegno divorzile di cui il medesimo benefici.

 

Di seguito il testo di Corte di Cassazione Sentenza n° 6855 del 03 Aprile 2015:

Commenta per primo

Vuoi Lasciare Un Commento?

Possono inserire commenti solo gli Utenti Registrati