Avvocati Penalisti in sciopero. Nuova astensione dal 22 al 25 maggio

Avvocati penalisti in sciopero: l'Unione Camere Penali Italiane ha proclamato una nuova astensione dalle udienze dal 22 al 25 compreso

Avvocati Penalisti in sciopero. Nuova astensione dal 22 al 25 maggio

Allo sciopero dei Giudici di Pace va a sommarsi l'astensione dalle udienze (per motivi diversi) proclamata dall'Unione delle Camere Penali Italiane. L'UCPI, infatti, ha diramato un comunicato con il quale chiede agli avvocati penalisti di astenersi dalle udienze e da ogni attività giudiziaria nel settore penale nei giorni 22, 23, 24, 25 maggio 2017, invitando le Camere Penali territoriali ad organizzare in tali giorni manifestazioni ed eventi dedicati ai temi della riforma.

Il tema è quello della riforma del processo penale in discussione in parlamento (dopo l'approvazione con modifiche al Senato dovrà essere riesaminata dalla Camera).

L'UCPI parla di "... interventi disorganici, contraddittori, irragionevoli e incostituzionali ..." ma in particolare i temi sono quelli del precedente sciopero tenutosi dal 20 al 24 marzo 2017 (abbiamo dato atto in questo articolo: "Una Settimana di Scioperi per Giudici di Pace e Camere Penali")

 

Di seguito il testo del comunicato stampa:

"La Giunta UCPI con le tre precedenti delibere di astensione ha denunciato i limiti della riforma del processo penale di iniziativa governativa, con interventi disorganici, contraddittori, irragionevoli e incostituzionali, quali quelli sulla prescrizione e sul cd. processo a distanza, e che al suo interno contiene interventi normativi che non solo deprimono le garanzie del processo, violando i principi costituzionali della immediatezza e del contraddittorio, ma anche la presunzione di innocenza e il diritto alla vita, nel disprezzo dei principi costituzionali e convenzionali.

L’UCPI ha denunciato, altresì, l’assoluta inammissibilità dell’uso della fiducia ai fini dell’approvazione del DDL, che incide in profondità sull’intero sistema processuale e sui diritti e sulle garanzie dei cittadini. Nonostante la massiccia adesione alle precedenti astensioni, l’attenzione mostrata dai media e dall’opinione pubblica alle tematiche oggetto della protesta, e nonostante le molteplici adesioni del mondo dell’accademia e le convergenti critiche sollevate da diversi esponenti della politica nei confronti della riforma, il Governo non ha tutt’ora ritenuto di dare alcun segnale di attenzione, restando evidentemente fermo nella intenzione di ricorrere anche davanti alla Camera dei deputati al voto di fiducia, impedendo che sul disegno di legge si sviluppi la necessaria discussione sulle molteplici questioni tuttora controverse, su riforme contrarie non solo agli interessi e ai diritti dei singoli imputati, ma anche alle legittime aspettative delle persone offese e della intera collettività, che esige, in un Paese civile moderno e democratico che i procedimenti penali abbiano una ragionevole durata e che la fase dell’accertamento dibattimentale venga posta al centro del processo penale, sottraendo la fase delle indagini preliminari all’attuale enfatizzazione e mediatizzazione, attuando e realizzando i principi del giusto processo, nel rispetto pieno delle garanzie dell’imputato e soprattutto di quelle poste a presidio del diritto inviolabile della difesa e della dignità stessa della persona, violate dalla estensione dell’istituto della partecipazione a distanza.

Ancora una volta, ad esempio con il DDL di riforma della legittima difesa, disattendendo del tutto le indicazioni dell’avvocatura e dell’accademia, si è operato un intervento legislativo sulla spinta di evidenti e pericolose pulsioni populistiche che non rispondono ad alcuna reale esigenza di tutela, risultando la legge in vigore, così come riformata con la legge del 2006, già ampiamente rispondente alle finalità di tutela che si intendono perseguire. Devono, dunque, essere ribadite tutte le ragioni di protesta e di contrarietà al disegno governativo indicate nelle precedenti delibere, e il Governo deve essere nuovamente richiamato alla responsabilità politica riproporre il voto di fiducia anche davanti alla Camera su tale riforma.

Pertanto, la giunta UCPI delibera l’astensione dalle udienze e da ogni attività giudiziaria nel settore penale nei giorni 22, 23, 24, 25 maggio 2017, invitando le Camere Penali territoriali ad organizzare, in tali giorni, manifestazioni ed eventi dedicati ai temi della riforma e del denunciato contrasto con i principi costituzionali e convenzionali della immediatezza, del contraddittorio, della presunzione di innocenza e della ragionevole durata, riservandosi di indire ulteriori manifestazioni nazionali sul tema delle garanzie e dei diritti processuali di tutti i cittadini".

 

Questo il LINK al sito dell'UCPI con l'atto di proclamazioen dello sciopero.

 

Commenta per primo

Vuoi Lasciare Un Commento?

Possono inserire commenti solo gli Utenti Registrati