Garanzia legale e commerciale di conformità

Diritto del Consumatore: la garanzia legale e quella commerciale di conformità del prodotto venduto al consumatore.

di Roca Grazia |
Tempo di lettura: 3 minuti circa

Diritti del consumatore: le azioni.


Il consumatore che ha denunciato la difformità del bene entro il termine di legge ha:

  • diritto al ripristino, senza spese, della conformità del bene mediante riparazione o sostituzione;
  • ovvero diritto ad una riduzione adeguata del prezzo o alla risoluzione del contratto.

I rimedi della riparazione e della sostituzione del bene, essendo finalizzati al ripristino della conformità, vanno esperiti in via primaria. Il consumatore, a sua scelta, può chiedere al venditore uno dei due rimedi, in entrambi i casi senza spese a carico del consumatore. La possibilità di scelta tra riparazione o sostituzione viene meno solo nel caso in cui il rimedio richiesto sia oggettivamente impossibile o eccessivamente oneroso rispetto all'altro.
L'eccessiva onerosità del rimedio deve essere valutata tenendo conto:

  • del valore che avrebbe il bene se non vi fosse difetto di conformità
  • dell'entità del difetto di conformità
  • dell'eventualità che il rimedio alternativo possa essere esperito senza notevoli inconvenienti per il consumatore.

Esempio:

Tizio rilevato un difetto nel display del telefono cellulare appena acquistato può chiedere, a sua scelta, o la sostituzione del telefono con uno nuovo dello stesso tipo oppure la semplice riparazione. Come già detto, la possibilità di scelta è subordinata alla circostanza che il rimedio non risulti oggettivamente impossibile, non potrà quindi rilevare la circostanza che il venditore non dispone di un proprio laboratorio od officina per effettuare la riparazione, il venditore dovrà comunque provvedere commissionando a terzo i lavori necessari.
Allo stesso modo la scelta tra i due rimedi viene meno se uno dei due risulta eccessivamente oneroso per il venditore; ad esempio, se per la riparazione il telefono deve essere inviato necessariamente al centro di assistenza con un esborso per il venditore superiore al prezzo del telefono stesso, il rimedio di cui potrà avvalersi l'acquirente sarà solo quello della sostituzione.


I rimedi della riduzione del prezzo e della risoluzione del contratto operano in via sussidiaria solamente se:

  • i rimedi della riparazione e della sostituzione del bene sono divenuti oggettivamente impossibili o eccessivamente onerosi;
  • o se il venditore non ha provveduto alla riparazione o alla sostituzione del bene entro un congruo termine;
  • o se la sostituzione o la riparazione precedentemente effettuata ha arrecato notevoli inconvenienti al consumatore.

Nel caso di sostituzione del bene, il bene sostituito sarà a sua volta assoggettato alla disciplina sulla garanzia legale di conformità prevista dal Codice di Consumo, perciò dalla consegna del bene sostituito inizia a decorrere una nuova garanzia.
Se il bene dato in sostituzione presenta difetti di conformità, uguali o differenti rispetto a quelli riscontrati nel bene originariamente acquistato, il compratore potrà, ancora una volta, a sua scelta, pretendere o la sostituzione o la riparazione del bene e, in via sussidiaria, in considerazione dei notevoli inconvenienti subiti, la riduzione del prezzo precedentemente pagato o la risoluzione del contratto di compravendita, con obbligo in capo al venditore della restituzione della intera somma pagata e in capo al compratore della restituzione del bene.

Esempio:

Tizio acquista un telefono cellulare nel negozio di Caio il 01/10/2011 il telefono presenta però un problema al display che non consente di leggere i messaggi di testo.
Tizio chiede al venditore Caio la sostituzione del bene il 15/10/2011 (entro 2 mesi dalla scoperta del vizio), in data 01/11/2011 viene consegnato al compratore un nuovo telefono cellulare, a partire da questa ultima data inizia a decorrere a favore di Tizio una nuova garanzia. Il telefono, dopo pochi giorni inizia a manifestare lo stesso difetto del telefono originariamente acquistato, Tizio dal giorno della scoperta avrà a disposizione 2 mesi per denunciare a Caio il vizio e fino al 01/01/2014 (entro 26mesi dalla consegna del bene sostituito) per promuovere le azioni per far valere la garanzia legale.



Se viene chiesta la riparazione del bene, e questa si rivela insoddisfacente, il consumatore, oltre ai rimedi della riparazione o sostituzione, può domandare la riduzione del prezzo o la risoluzione del contratto di vendita entro però l’originario termine di 24 mesi dalla consegna del bene.

Esempio:

Tizio acquista un telefono cellulare nel negozio di Caio il 01/10/2011, il telefono presenta però un problema al display. Tizio chiede al venditore Caio la riparazione del bene. In data 01/11/2011 viene consegnato a Tizio il telefono riparato, che dopo pochi giorni inizia a manifestare il medesimo problema. Tizio, entro il 01/12/2013 (entro 26 mesi dall'acquisto dal telefono) potrà richiedere a Caio in alternativa o la riparazione o la sostituzione del telefono, e in via sussidiaria la riduzione del prezzo o la risoluzione del contratto.


– Le riparazioni o le sostituzioni devono essere effettuate entro un congruo termine dalla richiesta e non devono arrecare notevoli inconvenienti al consumatore, tenendo conto della natura del bene e dello scopo in ragione del quale il consumatore ha acquistato il bene.
Nel caso, perciò, in cui la riparazione o la sostituzione siano state correttamente effettuate, ma non siano state svolte entro un congruo termine o abbiano arrecato notevoli inconvenienti al consumatore, questi, in aggiunta agli altri rimedi, potrà esperire alternativamente l’azione di riduzione del prezzo o di risoluzione del contratto di vendita.

Esempio:

Tizio acquista un telefono cellulare nel negozio di Caio il 01/10/2011, dopo pochi giorni il telefono manifesta un problema al display. In data 18/10/2011 Tizio riconsegna a Caio il telefono affinché vengano eseguite le riparazioni necessarie. Il giorno 25/01/2012 viene consegnato a Tizio il telefono riparato: essendo trascorsi più di 3 mesi dalla richiesta di riparazione, Tizio potrà chiedere a Caio o la riduzione del prezzo originariamente pagato o la risoluzione del contratto.