Quando nel patrocinio a carico dello Stato le spese di trasferta non vengono rimborsate?

Nel gratuito patrocinio le spese e indennità di trasferta non vengono rimborsate nei casi previsti dalla legge. Cassazione civile Ordinanza n. 17656/2018

Tempo di lettura: 1 minuti circa
Quando nel patrocinio a carico dello Stato le spese di trasferta non vengono rimborsate?

Il fatto.

A difesa di un imputato ammesso al patrocinio a carico dello Stato, veniva nominato un legale e un consulente di parte al di fuori del distretto nel quale si svolgeva il procedimento.

A chiusura dell'incarico, chiesta la liquidazione delle spese e competenze, in prima battuta le stesse venivano liquidate in misura molto ridotta (3.500 E.) e solo a seguito di opposizione l’importo veniva innalzato (12.480 E.). Il legale ricorreva per la cassazione della decisione adducendo il mancato pagamento delle spese di trasferta, del resto tenute molto basse, minori, a detta del difensore, di quanto avrebbe chiesto un legale appartenente al distretto di competenza.

 

La decisione.

La Corte di Cassazione richiama gli articoli 82 e 102 del T.U. Spese di Giustizia i cui secondi commi regolano il caso del legale o del consulente di parte scelti al di fuori del distretto di Corte d’Appello ove risiede il magistrato competente per il procedimento.

In entrambi i casi la norma prescrive che “non sono dovute le spese e le indennità di trasferta previste dalla tariffa professionale”.

Secondo la Corte “Si tratta di previsioni esplicite e di portata generale, dettate per esigenze di contenimento della spesa pubblica e che contemperano in maniera ragionevole questo interesse con il diritto del singolo a scegliere liberamente il proprio difensore”.

Tuttavia il legale ricorrente lamentava proprio l’illogicità di tale norma poiché aveva assunto che le proprie spese di trasferta erano rimaste inferiori a quelle che un altro legale appartenente al distretto di competenza del procedimento nel quale era stata prestata la prestazione professionale avrebbe potuto chiedere.

Se la logica, del tutto comprensibile, è quella che mira al risparmio per la pubblica finanza, allora lo schema dato dal dettato normativo non può dirsi adeguato e, anzi, crea una disparità di trattamento fra l’avvocato fuori e dentro il distretto.

La S.C. non coglie e non si sofferma sulla questione e si limita alla espressione letterale della norma, confermando che all’avvocato fuori distretto non vengono riconosciute le spese e indennità di trasferta. La norma, secondo la S.C., esprime " ... una presunzione assoluta e non sindacabile di maggiore sostenibilità dei relativi costi per l'Erario", per la quale non è ammessa prova contraria.

 

---------------------------------------

Di seguito il testo di
Corte di Cassazione civile Ordinanza n. 17656 del 05/07/2018

 

MOTIVI DI FATTO E DIRITTO DELLA DECISIONE

La lettura del provvedimento è riservata agli Utenti Registrati.
Se sei registrato esegui la procedura di Login, altrimenti procedi subito alla Registrazione. Non costa nulla!

Commenta per primo

Vuoi Lasciare Un Commento?

Possono inserire commenti solo gli Utenti Registrati