Spese per la casa dei conviventi more uxorio: se non è obbligazione naturale è donazione

Il maggior apporto al pagamento delle rate del mutuo fornito dal convivente more uxorio per l’acquisto della casa comune è configurabile quale donazione? Cassazione Ordinanza n. 20062/2021

Tempo di lettura: 2 minuti circa
Spese per la casa dei conviventi more uxorio: se non è obbligazione naturale è donazione

In continuazione con l’arresto pubblicato ieri e riguardante le spese di ristrutturazione della casa familiare dei conviventi more uxorio e che aveva visto le Corti inquadrare la vicenda giuridica sotto il nomen juris dell’adempimento dell’obbligazione naturale, oggi vediamo una vicenda simile per la quale le Corti hanno ravvisato la sussistenza di una donazione.

 

Il fatto.

Tizio e Caia, conviventi more uxorio, acquistavano la loro casa di residenza mediante l’accensione di un mutuo le cui rate venivano pagate per un importo maggiore da parte di Tizio.

Conclusasi la convivenza Tizio chiedeva fosse riconosciuto il proprio diritto ad avere dalla divisione dell’immobile una maggiore somma, parametrata ai maggiori apporti.

La Corte d’Appello aveva concluso indicando la necessità di presumere che gli oneri sostenuti in modo maggiore da uno degli acquirenti, per la parte "eccedente" la sua quota, fossero stati compiuti a titolo di liberalità nei confronti della co-acquirente, intento liberale che avrebbe trovato giustificazione nella stessa situazione di convivenza.

Il caso viene esaminato dalla Corte di Cassazione civile che ha deciso con Ordinanza n. 20062 depositata in data 14 luglio 2021.

 

Mutuo casa pagato dai conviventi in parti diseuguali: solidarietà passiva

Parte ricorrente indica quale elemento rilevante ai fini della decisione l’istituto della solidarietà passiva ex art. 1298 c.c. aggiungendo di avere dimostrato in corso di causa che le rate del mutuo non erano state versate in pari misura.

La Corte di Cassazione rettifica l’indicazione normativa, visto che siamo nell’ambito della comunione di immobile, e cita l’art. 1101 c.c. quale eventuale norma di riferimento.

Concludendo, sul punto, che la comunione è da considerarsi in parti uguali alla luce dell’atto di acquisto dell'immobile, oggetto di divisione, che aveva previsto quote indivise e paritarie fra i due acquirenti.

Quanto alla solidarietà contrattuale, afferma la Corte "l'obbligazione solidale, se non risulta diversamente, si divide nei rapporti interni fra condebitori in parti eguali; pertanto, il coobbligato che abbia pagato l'intero, è titolare, salvo prova contraria a carico dell'altro condebitore, del diritto di ripetere da quest'ultimo la meta di quanto pagato al comune creditore".

 

Rate del mutuo a titolo di liberalità

La Corte d’Appello non aveva ravvisato nel caso di specie la sussistenza di un adempimento di una obbligazione naturale, come invece visto in Cassazione Ordinanza n. 18721/2021 1.

Parte ricorrente lamentava che la corte del gravame aveva sostenuto la liberalità senza considerare la mancanza della forma scritta.

Tuttavia la S.C. ricorda che i pagamenti erano stati effettuati alla banca, al terzo creditore, ponendo, eventualmente in essere atti identificativi di una donazione indiretta, per la quale non si necessita della forma scritta 2.

La S.C. muove, tuttavia, una critica alla Corte d’Appello laddove aveva concluso (“sbrigativamente”) riconoscendo nella vicenda giuridica un atto di liberalità senza fosse stato indagato l’animus necessario (“l'animus donandi deve essere provato”).

 

_________

1 - in questa Rivista: “Le spese di ristrutturazione dell’immobile del convivente non vanno ripetute a fine rapporto

 

---------------------------------------

Di seguito il testo di

Corte di Cassazione civile, sez. II, Ordinanza n. 20062 dep. 14/07/2021

 

FATTI DI CAUSA

La lettura del provvedimento è riservata agli Utenti Registrati.
Se sei registrato esegui la procedura di Login, altrimenti procedi subito alla Registrazione. Non costa nulla!

Commenta per primo

Vuoi Lasciare Un Commento?

Possono inserire commenti solo gli Utenti Registrati